Né una vedova né un orfano: la storia di una madre che ha perso suo figlio

Alcuni anni fa, a seguito di un incidente, Maria perse l’unico figlio, che ne ha cresciuti uno. Aveva 19 anni quando cadde dal tetto. Da allora, ha cercato di superare il suo dolore e trovare una parola che potrebbe essere chiamata genitori orfani.

“Mi piace parlare del mio Matvey – era così brillante, talentuoso, sinceramente generoso … è terribile che ogni volta che parlo di lui, devo iniziare con la tragedia e il dolore. E ogni volta per rispondere alle stesse domande: “Quanto è passato. “

Che differenza fa quanto! Non è in questo momento, qui, sempre. Le persone pensano che la cosa più difficile sia sopportare quando è fresco. Ma si sbagliano. Il momento più difficile ogni volta che inizia una storia su di lui dalla sua morte, invece di parlare della sua vita. Era l’esatto contrario della sofferenza.

E non è affatto che sia morto, ma il fatto che fossimo insieme tutti questi meravigliosi anni in cui ho avuto l’opportunità di stare vicino e conoscerlo, di riconoscerlo. Ma poche persone possono e vogliono capire.

Quando accade il terribile, sei preso per il braccio, piangono con te allo stesso tempo, ed è naturale e necessario, come se toccasse il tuo corpo, questo è l’unico modo per sostenere la tua vita. E poi ad un certo punto non si rivela nelle vicinanze. A poco a poco sei avvolto dal vuoto e dal silenzio.

E arriva il momento in cui non hai più il diritto di parlare, perché nessuno ha il desiderio di ascoltarti

Vedi come crescono i figli degli altri, come gli altri diventano nonni – come ho sognato i nipoti! – e non capisci cosa fare con la felicità di quest’altra persone che ti fa bruciare dall’interno. Quando i tuoi amici incontrano qualcuno, sei inorridito nell’attesa di una domanda inevitabile:

– Hai figli?

– Cosa fa.

Quando è nato Matvey, ero molto giovane e non avevo nessuno a parlare con lui, perché nessuno dei miei amici aveva ancora i bambini. E oggi è di nuovo lo stesso. O viceversa, iniziano a parlarmi in dettaglio sui loro figli, come se cercasse di compensare la mia perdita.

Non capiscono nulla e devi adattarli sempre a loro, impari a tacere, schivare https://www.tigitmotorbikes.com/what-to-bring-and-wear-in-vietnam/ o cambiare argomento. E niente a cui rispondere quando l’anniversario passa e ti dicono: “Ho pensato molto a te, ma in qualche modo non ho osato chiamare”. E come vorrei che decidessero ..

E così che c’è qualcuno che si dice questa parola che nessuno vuole sentire. Ho pagato per essere ascoltato e mi sono aiutato a trovare una parola che potesse descrivere ciò che sono diventato: né una vedova né un orfano. Ho capito che per le persone come me, la parola non è stata semplicemente inventata.

Cosa nominare il genitore che ha perso suo figlio? Una volta ai vecchi tempi, un orfano veniva chiamato non solo un bambino, ma anche un genitore, ma oggi questo valore si perde. Ho iniziato a cercare questa parola in altre lingue. Si è scoperto che non lo era! In un libro ho letto: “Anche in russo, una tale parola non esiste”.

So che a volte le parole escogitano, e vorrei che una parola fosse inventata. Non solo per noi, quelli con cui è successo, ma anche per il bene di voi – quelli che ci incontrano, parlano, si incontrano. Per il bene della nostra umanità. Quindi ho pensato: cosa deve essere fatto per inventare la parola?

Ho segnato su Internet in diverse lingue “non ci sono abbastanza parole”, ho versato migliaia di pagine e ho scoperto che questa parola è assente in quasi tutti i paesi della cultura occidentale e che è assolutamente necessaria, perché quasi tutti hanno familiarità con qualcuno con cui è successo la stessa cosa.

Mi sono reso conto che avrei dovuto scrivere di quanto insopportabilmente ogni volta, menzionando mio figlio, re -talk sulla morte e che abbiamo bisogno di una parola che ci salverà da questa dolorosa necessità e che non posso inventarlo da solo.

Poi ho preso un foglio di carta vuoto e ho iniziato a scrivere, e qualcosa dentro di me ha chiesto: “Dillo, dillo!»Ho scritto e il dolore si è ritirato. Ho scritto e inviato lettere all’Accademia francese, all’ufficio editoriale del dizionario della lingua francese, a diversi ministeri: giustizia, cultura, protezione dei diritti, al Consiglio economico, linguisti, antropologi, psicoterapeuti e Simone Vale.

Volevo iniziare la discussione, civile e universale. Perché quando iniziano a parlare di qualcosa, iniziano a pensarci. Volevo affidare questa attività agli altri e smettere di farlo. E mi hanno risposto, quasi tutto, a volte con inaspettata crudeltà. Con la stessa crudeltà nei documenti amministrativi, chiedono di contrassegnare la cella “bambino”, con la crudeltà che ti rispondono quando dici che hai un figlio, ma è morto.

“Non vediamo la necessità di neologismo”, mi hanno detto in un unico posto. “Ancora una volta senza figli”, hanno suggerito in un altro, come se il fatto che tu avessi un bambino potesse essere cancellato, come se questo bambino non esistesse mai.

Leggendo tutte queste risposte, mi sono reso conto che non ero il primo a porre questa domanda e che persino gli esperti non sapevano cosa chiamare la cosa terribile che ci è successo e che tutti hanno cospirato da un silenzio al riguardo. E lasciaci soli con questo silenzio. Ma io non voglio.

Sono un’attrice, ho familiarità con le parole pronunciate inventate dagli altri. E per la prima volta nella mia vita, ho parlato senza paura in faccia. Ho anche parlato pubblicamente prima di diversi spettatori interessati. Ho osato andare da loro e parlare ad alta voce di questo bisogno importante e profondamente personale per me, non diventando immodesto e senza perdere la mia dignità.

E poi sono venuti per dire grazie. Hanno capito! E finalmente ho avuto la sensazione che stavo facendo qualcosa di utile, e non solo per me stesso. E più ho parlato di quello che sto facendo, più mi hanno ascoltato. E più mi ascoltavano, più avevo la forza di parlarne. E ho persino iniziato a essere un po ‘orgoglioso della fiducia che i miei ascoltatori mi forniscono. Penso che Matvey sarebbe anche orgoglioso.

Non so se sono diventato migliore, ma mi sento vivo. Ho iniziato questa attività non per trovare un nuovo significato di vita, ma è successo che l’ho trovato. E continuerò. Leggi il tuo appello a persone diverse al fine di incoraggiarle ad iniziare la discussione, sfondare questo silenzio.

Tra le risposte che ho ricevuto, ce n’era uno dal Consiglio francese per l’economia, la società e l’ambiente – e si diceva che, avendo ottenuto un certo numero di firme, sarebbe stato possibile presentare una richiesta ufficiale lì. Quindi ho fatto una petizione. Più persone lo firmerà, più avrò la forza e il coraggio di lottare per la ricerca di questa parola. Forse non è facile pronunciare ad alta voce, ma, senza dubbio, vitale per tutti noi “.

原创文章,作者:鉴闻,如若转载,请注明出处:http://www.goodpr.top/20240227162534645.html

联系我们

400-800-8888

在线咨询:点击这里给我发消息

邮件:863045581@qq.com

工作时间:周一至周五,9:30-18:30,节假日休息